Il Calabrescia pensiero

Il verdetto

Posted on: 28 aprile 2007

E alè, signori,  patatrak.
E’ giunto il verdetto per la Franzoni, 16 anni di reclusione. Ora, vi ricordate la storia di Smigle e Gollum? Ecco, posso dire con certezza che tutti, ma dico tutti coloro che han giudicato, soffrivano di questo contrasto interiore. Sapete come la penso sulla sua colpevolezza, il parere dell uomo e il parere del giurista in erba; fatemi però sbizzarrire, fatemi sfogare su questa porcellata. Nel primo pezzo riguardante questo processo mi immaginavo due sentenze: o colpevole e 30 anni di reclusione, il massimo richiediedibile col rito abbreviato (e l uomo che c è in me lo sperava ardentemente), o innocente per mancanza di prove, secondo il precetto in dubio pro reo (e il giurista in me lo auspicava). Ma no, ovvio! La prima avrebbe accontentato tutti meno gli addetti ai lavori, la seconda avrebbe scontentato l’Italia intera meno i pochi addetti che sanno essere oggettivi. Ma qui sta il bello: si è arrivati ad una soluzione che fa incazzare cani e porci: la signora è colpevole, ma non troppo. Attenuanti generiche, le chiamano. Se giudichi colpevole di infanticidio una persona, quali sono le attenuanti? Dove stanno? Io credo sia stata la polpetta per il popolo, a spese di una donna che, essendo oggettivi, potrebbe anche essere innocente. Questo caso è stato spettacolarizzato, questa donna fatta odiare; colpa sua, è odiosa, l ho già detto. Non ha espressione pulita. Dopo cinque anni che te la vedi così, sei irrimediabilmente compromesso, ti convinci che sia stata lei. Prove o non prove. Credo che la giuria abbia tenuto conto anche delle possibili reazioni della nazione dinnanzi ad una assoluzione; credo abbia anche pensato a quanto sia oltremodo ingiusto incolpare una donna senza prove concrete. Si è fatto l inciucio. Con le due sentenze assolutiste si rischiava o lo sputtanamento della legge o lo putanamento da parte degli italiani, si è cercato in circa dodici ore di camera di consiglio di trovare un rimedio. Salta in piedi il genio "in medio stat virtus! nevvero?" Ecco. Si voleva salvare capra e cavoli, la capra è schiattata dal ridere, i cavoli riarsi dal sole. Confido nella Cassazione, stiamo a vedere.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: