Il Calabrescia pensiero

Tutto tace

Posted on: 19 novembre 2007

Mi sono un tantino indisposto.
Lo saprete, voi lettori miei acculturati, il 17 Novembre a Genova si è tenuta una manifestazione per ricordare i fatti del 20-21 Luglio 2001, che, come ben si sa, furono fatti e giorni di violenza e vergogna. Giorni in cui Genova fù messa a ferro e fuoco, devastata.
E, come si suol dire, ci scappò il morto.
Si teneva la riunione del G8, fatto che ovviamente irritava i compagnucci di tutte le età: mi permetto questi toni aspri e sprezzanti non per nulla, il dissenso è sempre lecito; sono quasi offensivo perchè quello di quei giorni non fù dissenso, fù distruzione.
Odio.
Insozzamento di una città.
Questo è vergognoso per chiunque. Polizia caricata dalle cosiddette "tute bianche", mentre le "tute nere" perseguono il devasto: pietre alle forze dell ordine, vetrine infrante, qalche remengata al cronista sfigato di turno, qualche sportello bancomat…
E, come dicevo, ci scappò il morto.
Uno dei baldi devastatori, con passamontagna in capo, si apprestava ad avvicinarsi (non è forse vero che la presunzione d’innocenza è un baluardo del nostro sistema legale?) ad un Defender con una bombola di gas in mano, probabilmente per invitare i poliziotti ad accendere con lui la carbonella del barbecue.
Ma i poliziotti, bastardi, si sono allarmati, hanno sparato e lo han fatto secco.
 
Il vandalo diventa eroe.
 
Permettete che se mi trovo in un contesto di guerriglia urbana e uno col passamontagna arriva li brandendo una bombola di gas, mi posso un tantino allarmare, magari gli posso anche sparare? Non perchè son cattivo: ho paura che lui ammazzi me, permettetemi.
 
Ora, il 17 si commemorava tutto questo. Alla fine il ministro dell interno, preso da orgasmo politico, sprizzando gioia, afferma che i vari dissidenti si son comportati bene.
 
Pacca sulla spalla, bravi loro.
 
E, in effetti ha ragione il ministro Amato: non hanno scassato nulla, niente cassonetti bruciati, niente auto rovesciate.
Da questo punto di vista, il "dissidente medio" si è incivilito.
Ma da qui al panegirico per la loro buona condotta ci vuol pelo sullo stomaco per passarci.
Non han distrutto, hanno insozzato.
Eh si. Non mi sembra sinonimo di civiltà lo scrivere sui muri "Nassirya docet", "sbirri assassini", "lo sbirro buono è lo sbirro morto", "non giustizia ma vendetta".
E non mi sembra giusto che un pirla rosso vada davanti a un poliziotto mimando con le mani una pistola e gridandogli: "e adesso sparami, schiavo, sparami!".
Non è civile. Se lo faccio io, mi cazziano per oltraggio a pubblico ufficiale, se lo fanno loro va bene.
Perchè è risaputo che è stato ordinato alle forze dell ordine di non cedere alle provocazioni, per evitare tensioni.
Lo diceva anni fa anche Pasolini: mentecatti figli di papà, idioti,con chi cazzo ve la prendete? Con le forze dell ordine? Ah bravi, a far così son capaci tutti. A prendersela con degli sfigati che hanno l ordine di farsi coprire di merda.
 
Bravi, compagni.
 
A dar degli stronzi ai poliziotti son capaci tutti.
Date dello stronzo a Mastella, come ha fatto Beppe Grillo.
E’ sopravvissuto un mesetto, prima di esser citato in giudizio.
Lui si che ha le palle, magari è rozzo, bifolco, volgare. Ma ha palle.
 
Voi no.
Vi sfogate, spaccate tutto, al minimo scrivete porcate che gridano vendetta a Dio su gente che ha perso la vita per rendere servizio al Paese.
Eh. Eddai. Manifestate, ok, ognuno ha le proprie idee. Ma non deturpate. Non offendete la memoria dei defunti.
Non prendetevela con chi ha ordine di non reagire.
Siate civili, sempre.
Ma, pare, che oggi per essere civili basti limitarsi a quache scritta, senza distruggere nulla.
 
Se fai solo qualche scritta, tutto tace.
 
Rendiamoci conto.
 
 
 
 
Annunci

12 Risposte to "Tutto tace"

ciao vuoi la chat sul tuo blog ??
inserisci tutto questo codice in un intervento o in  un html
 
<embed wmode="transparent" src=http://www.xatech.com/web_gear/chat/chat.swf quality=high width=540 height=405 name=chat FlashVars="id=17916611" align="middle" allowScriptAccess="sameDomain" type="application/x-shockwave-flash" pluginspage="http://xat.com/update_flash.shtml&quot; /><br><small><a target="_BLANK" href="Get">http://xat.com/web_gear/?cb">Get your own Chat Box!</a> <a target="_BLANK" href="Go">http://xat.com/web_gear/chat/go_large.php?id=17916611">Go Large!</a></small><br>
<img style="visibility:hidden;width:0px;height:0px;" border=0 width=0 height=0 src="http://counters.gigya.com/wildfire/CIMP/Jmx0PTExOTU1OTE3NTEzNTkmcHQ9MTE5NTU5MTc1NTgxMiZwPTUzMTUxJmQ9Jm49.jpg&quot; />

Condivido pienamente la tua opinione… Ma purtroppo bisogna ammettere che attualmente (e le guerriglie degli ultras, lo dimostrano alla grande) è un serio problema va al di la di ogni ideologia politica, dalla destra più spinta fino ai cosiddetti "pirla rossi": questa violenza contro le forze dell\’ordine, feroce, è vero e proprio odio immotivato; soprattutto quando si è scatenata per un motivo apparente: questo ragazzo, Gabriele, è morto non come tifoso dentro uno stadio, ma come soggetto violento in seguito ad un agguato… E\’ dunque giusto che queste bande di delinquenti, che si fanno chiamare ultras, approfittino di tale giustificazione per distruggere e ammazzare?? Quello che c\’è da chiedersi è cosa abbiamo dentro di noi, cosa ci spinge a questa violenza, ma soprattutto come curare questo male… 

Informatevi prima di scrivere!!!!!!!!!!!

Bravo il Francesco: odio verso le forze dell ordine, a destra e a manca. Perchè?
Perchè si passa subito al vittimizare un ragazzo ammazzato da un poliziotto? Certo, se fosse omicidio volontario sarebbe un episodio vergognoso, ma vittimizzarlo non si può.
E\’ stato dimostrato che Gabriele aveva, con i suoi amici, ingaggiato una lotta con dei ragazzi di fede calcistica differente, e aveva in tasca due sassi presumibilmente a scopo offensivo. Se l agente ha preso la mira e sparato (difficile da quella distanza centrare un uomo con una Beretta d ordinanza) ha commesso errore madornale, ma Gabriele non è certamente vittima immacolata.
Perchè questa spirale di odio?
Perchè si pretende di potersi scannare a vicenda senza che la polizia intervenga?  

Non hai idea di che rabbia mi provochi quel che hai scritto, sono scandalizzato.
Se sapessi come si sono svolti i fatti nel dettaglio, nei momenti precedenti alla morte di Carlo Giuliani (anche lui ha un nome, anche se a te sta sulle palle), non parleresti così.
Ti spiego brevemente, perchè evidentemente non sie informato troppo bene: il vetro dell\’auto l\’ha rotto Placanica, il poliziotto che poi ha sparato, con un anfibio: se hai paura che ti ci buttino dentro qualcosa è quantomeno stupido, se non masochista, rompere il vetro, no?
L\’estintore che Carlo Giuliani aveva in mano quando l\’hanno ammazzato, prima era dentro l\’auto delle forze dell\’ordine, è stato sempre lo scaltro Placanica a buttarlo fuori: e anche qui, se hai paura che ti lancino oggetti nell\’auto, non rompi il lunotto posteriore per poi gettare all\’esterno oggetti che possono esserti ributtati dentro l\’auto.
Inoltre l\’auto non era affatto bloccata dal cassonetto perchè: un fuoristrada con un grosso motore, come era quella, un cassonetto lo sposta, e in più, bastava fare la retro e poi andare avanti sterzando da una parte qualunque, e l\’auto si sarebbe spostata.
In più, quest\’auto non era isolata, come tanti hanno detto, perchè ci sono foto che mostrano come ci fossero un sacco di poliziotti schierati in tenuta antisommossa a circa 15 metri, venti al massimo, dalla suddetta auto, che quindi non era isolata, nè bloccata, e quindi non nella situazione di pericolo che molti hanno cercato di dipingere.
Oltretutto, Carlo Giuliani non era vicino all\’auto come l\’inqudratura posteriore sembra mostrare, perchè vedendo la scena dall\’alto si nota chiaramente che era ad almeno 4 metri, quindi non così vicino, come, ancora una volta, hanno cercato di dimostrare alle menti ottuse che, al solito, bevono tutto quello che le autorità ci propinano.
Dulcis in fundo: un ragazzo vicino a Carlo, appena ha visto la pistola sporgersi dal finestrino posteriore dell\’auto, è scappato a gambe levate, quindi bastava sparare un colpo in aria, e le persone si sarebbero allontanate tutte dall\’auto per paura di venire colpiti, mentre invece la pistola è stata puntata orizzontalmente all\’alteza della testa delle persone.
Come se non bastasse, il vicequestore appena è arrivato sul luogo del delitto, e ha visto il corpo di Carlo Giuliani con un buco della pallottola in testa e schiacciato due volte dalle ruote del Defender, ha iniziato ad accusare un manifestante di averlo ucciso con una pietrata: « Bastardo! Lo hai ucciso tu, lo hai ucciso! Bastardo! Tu l\’hai ucciso, col tuo sasso, pezzo di merda! Col tuo sasso l\’hai ucciso! Prendetelo! »
(Adriano Lauro, all\’epoca dei fatti vicequestore di Polizia responsabile dei reparti delle forze dell\’ordine impegnati nei tragici scontri di Piazza Alimonda, accusando un manifestante di aver ucciso Carlo Giuliani)
Giusto per essere obbiettivo e pronto a punire gli errori delle forze dell\’ordine. Infatti poi un sasso è stato preso e appoggiato vicino alla testa di Carlo, per darecredito alla tesi del vicequestore.
Stavo quasi dimenticando: quando Carlo Giuliani era a terra, in fin di vita ma non ancora morto, c\’è stato chi ha provato a soccorrerlo, ma è stato allontanato dalle solite forze dell\’ordine. E finchè si tratta di manifestanti dici, vabbè, stanno allontanando tutti aspettando i soccorsi medici. Ma quando questi sono arrivati, i paladini della giustizia con la divisa non li hanno lasciati avvicinare al corpo di Carlo, che probabilmente non sarebbe sopravvissuto ugualmente, ma un tentativo si poteva anche fare, non credi?
E visto che tu ti indigni per le scritte sui muri "10, 100, 1000 Nassirya" e simili, certamente sbagliate, becere e irrispettose, sono forse anche sono lontanamente confrontabili con gli avvenimenti della scuola Diaz??? O con le violenze ai danni dei fermati, nella caserma di Bolzaneto?? Io non credo proprio.
E perchè le forze dell\’ordine si sono concentrate a caricare le manifestazioni pacifiche, senza aver nemmeno sfiorato neanche un black-bloc?? Perchè hanno caricato i partecipanti a manifestazioni pacifiche più di quelli che invece devastavano la città???
E\’ giusto che chi si rende responsabile di atti di vandalismo, violenza e inciviltà, venga punito, ma ti sembra normale che le persone che manifestavano PACIFICAMENTE sia state letteralmente assalite dalla polizia e dai carabinieri e pestate a sangue?? Dovresti guardarti bene le immagini più crude di quei giorni, come ho fatto io, e forse capiresti cosa è success davvero a Genova: « La più grave sospensione dei diritti democratici in un paese occidentale dopo la seconda guerra mondiale. »
(Amnesty International)
Ho visto video di gente che camminava urlando slogan pacifici, attaccata dalla polizia e presa a manganellate SENZA MOTIVO.
Giornalisti italiani e stranieri spinti in qualche angolo o anfratto e pestati un po\’, SENZA MOTIVO.
Addirittura ho visto anche una donna anziana piena di botte, tagli e sangue, SENZA MOTIVO.
Ho visto un video in cui un vicequestore, o qualcosa di simile, non ricordo perferttamente chi fosse, prendeva a calci in faccia un ragazzo che era stato fermato dalla polizia, SENZA MOTIVO.
Persone seviziate nella caserma di Bolzaneto, con la sola colpa di essere state fermate, ovviamente inutilmente: maltrattamenti, minacce di tortura e di morte, di stupro per le donne, di sodomia, di castrazione per gli uomini. Tutto ovviamente SENZA MOTIVO, se non il sadismo di coloro che dovrebbero difendere i nostri diritti.
Giornalisti ed altre persone che dormivano nella scuola Diaz, svegliate, picchiate, manganellate, e abbandonate ferite nel loro sangue, SENZA MOTIVO. Gli hanno anche preparato una molotov poi messa a regola d\’arte all\’ingresso dell scuola Diaz, giusto per farli sembrare facinorosi. Però io non ho mai visto un gornalista che mentre fa un servizio lancia delle molotov. Ma soprattutto, la bottiglia di vino che è stata usata per questa molotov, era stata sequestrata proprio dalla polizia precedentemente. Questo non fa venire dei dubbi??
Devi leggere, informarti su come sono andati veramente i fatti, sentire le testimonianza delle persone che sono state aggredite dalla polizia e dai carabinieri e trattate come i prigionieri di Abu Grahib; guardale in faccia, cerca di leggere i loro occhi, lì troverai anche la risposta alla domanda di Francesco: perchè la gente odia le forze dell\’ordine? PERCHE\’ LE PERSONE HANNO PAURA! Perchè ci sono poliziotti e carabinieri (ovviamente non tutti) che usano il loro distintivo per giustificare abusi di potere, violenza, sfoghi personali.
Cerca le immagini, tutte le immagini, non solo quelle filtrate dai telegiornali, e poi dimmi se sono di più i manifestanti violenti o quelli pacifici, se non era facile distinguerli, e fermare i violenti lasciando stare le persone civili.
E\’ vedere tutto questo che fa crescere l\’odio verso chi veste una divisa. Si sbaglia a generalizzare, ma è normale che la reazione più spontanea sia questa.
Guarda tutte le immagini, e leggi bene quello che troverai a questo link: http://www.avvelenata.it/g8/carlo.html
Quel che ho detto non significa che o giustifichi chi distrugge, devasta e rovina una città, ma come non bisogna generalizzare dicendo che i poliziotti sono tutti assassini, non bisogna nemmeno generalizzare sostenendo che i manifestanti siano tutti violenti e incivili. Chi dice questo dovrebbe provare ad andare a una manifestazione davvero.
Quella non è più "Piazza Gaetano Alimonda, arcivescovo di Torino". Ora quella è "Piazza Carlo Giuliani, ragazzo".
E hanno ragione i ragazzi che hanno scritto "Carlo vive. Morti siete voi", perchè la gente non dimentica queste ingiustizie, e non smetterà mai di aspettare giustizia non solo nei confronti di chi compie atti di vandalismo, ma anche nei confronti di chi compie un vero e proprio omicidio volontario, e con questo non mi riferisco solo a Placanica, ma a tutti quelli che hanno cercato di far sembrare questa storia ciò che non era.
VOGLIAM GIUSTIZIA.

E hai ragione, amico mio, io do per assolutamente vero tutto quello che hai detto. Ci sono abusi di potere. Vergognosi abusi. MA, come convieni tu, ci sono anche manifestanti cazzoni: non li per manifestare, ma per far casino. La mia indignazione, da cui il titolo, deriva dal fatto che PARE che gli stronzi siano solo gli uomini in divisa, nessuno si indigna per le varie razzie. O, per così dire, queste razzie fanno meno scalpore, non hanno la stessa visibilità. Si dice "stronzi i poliziotti", per lo meno si dovrebbe dire "stronzi i poliziotti violenti e i manifestanti casinisti". Questo dico io.
E si dovrebbe dire "hanno insozzato le caserme" non "hanno avuto un comportamento civile".
Questo dico.
Equità.
La campana fa din, ma anche don.

Resta il fatto che è grave che non si puniscano le "insozzature" dei muri con scritte vergognose, offensive ed irrispettose, ma nell\’ambito di ciò che riguarda Genova e i fatti annessi e connessi, ci sono state ingiustizie ben più gravi, impunite perchè commesse da "uomini dello Stato" come le forze dell\’ordine, che sembra che possano fare di tutto.. E questo provoca la rabbia della gente normale, nonchè la paura della stessa gente, che non sa più se le divise servono a difendere i cittadini o sono una minaccia.Prima puniamo le cose più gravi, poi mano a mano le cose meno gravi.Prima puniamo gli assassini di Carlo, e tutti i frustrati figli di puttana che hanno abusato del loro potere rovinando la vita a una quantità enorme di persone nella scuola Diaz e nella caserma di Bolzaneto, oltre che per strada, e tutti quelli che gli hanno ordinato un comportamento del genere, certamente non spontaneo, e che li hanno protetti invece che punirli.POI penseremo a chi fa le scritte sui muri.

Finalmente qualcuno che si informa!!!! imbrattare i muri di una città NON PUò MAI essere paragonato alla morte di una persona!!!!

Non è altrettanto grave, ma va detto. Non si può far finta di nulla, non si può dire che sono stati civili. Han insozzato. 

E allora puniamo prima chi scrive su un muro di chi uccide. Viva la civiltà!

Santo cielo, Michele, non far finta di non capire! Io parlo di dichiarazioni! Di dichiarazioni comiche di un ministro che afferma la buona condota di gente che insozza! Non parlo di "punire prima", non dico che insozzare sia più grave risetto al manganellare ingiustamente: dico che è da idioti fare un panegirico per buona condotta a chi insozza. Dico che come si infama chi abusa del proprio potere, si dovrebbe infamare anche chi non è mprontato alla protesta civile e intelligente, ma alla distruzione indiscriminata.
Questo dico. Non nascondiamoci dietro ad un dito, diciamole tutte le cose: in quell\’occasione non si è distruto nulla, si è lordato. Almeno diciamolo, rendiamolo noto, non facciamo i complimenti agli inzozzatori.
Questo dico.

Peccato che chi ha manganellato ingiustamente persone che stavano pacificamente manifestando, non verranno puniti, perchè appunto abusano del loro potere!!!!!Ma è l\’Italia no??

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: