Il Calabrescia pensiero

Collirio

Posted on: 1 marzo 2008

Nono, non è un trattato di oculistica. Non so se avete notato: è normale, in ogni programma che si rispetti, che qualcuno pianga.
E, tra la giungla televisiva spicca, splendente di luce propria, il Grande Fratello, utile cavia per lo studio del singolare fenomeno.
Se non sbaglio siamo alla ottava edizione, forse la nona. Non ho mai avuto la curiosità di buttargli un occhio, ma recentemente ho avuto una virata nella filosofia televisiva.
 
E, ammetto, qualche pezzo me lo sono visto.
 
A parte la singolarità del/della concorrente Silvia, al secolo Giuseppe, dichiaratamente trans, che ti fa venire atroci dubbi esistenziali sul come diavolo fare a distinguere una donna vera da un trans, dato che saltano fuori così bene, che ti fa andare in analisi con la fobia di conoscere una bella ragazza che, ahimè, dopo due mesi ti confessa che l anno prima si chiamava Antonio e che, maledizione, non è sempre stata allenatrice nella palestra del paese ma era idraulico, che ti fa avere incubi nei quali incontri la donna della tua vita e la perdi perchè due minuti dopo averla conosciuta tiri fuori un test del dna per scoprirne il vero sesso e lei ti manda affanculo e, maledizione, era la volta buona, "XX".
A parte quello, piangono tutti. Passi il pianto delle ragazze, chi non si ricorda le lacrime facili della bella compagna di banco liceale? Ma gli uomini! Il "Cumenda" con tutta la sua boria e manie di onnipotenza piange nel vedere la fidanzata. Christine piange perchè il Cumenda è cattivo con lei. Altri personaggi dal nome a me ignoto piangono per motivi altrettanto ignoti.
Vuoi vedere che esiste un tariffario? Vuoi vedere che il piantino patetico aumenta l audience e comporta un premio danaroso al colui che ha appena perso la dignità davanti alla Nazione?
Chi di voi non ricorda la tragicomica scena di Dan Harrow all’isola dei fetus… FAMOSI in cui il nostro impavido, in evidente stato schizofrenico, comunicava al mondo con ducesco tono che lui era invincibile, forte, e che gli altri concorrenti avrebbero visto di che pasta era fatto, e che la sera piangeva singhiozzante scusandosi per aver rubato i cestini, perchè "aveva fame".
 
Dr. Jackill and Mr. Hyde.
 
Secondo voi, se quando tornano alla vita reale, che so, gli rigano la macchina, cosa sarebbero capaci di fare? Tirano fuori la boria alla Rambo e ammazzano tutti nel raggio di settanta metri, si mettono a piangere, o passano subito al suicidio facendo harakiri con il tergicristallo?
Inzi il televoto!
 
 
Annunci

2 Risposte to "Collirio"

ahahah ke scemo ke 6! bah io opto x il : passano subito al suicidio facendo harakiri con il tergicristallo.
cmq io prima o poi t tirerò le orecchie x\’ nn si fa csì caro mio,no no no! nn si conquista il cuore di una donzella e poi la si abbandona, soprattutto dp aver passato nn poco tempo sulla ferrari..ahahahah ke scema! t riempirei di botte cavoli! è tanto ke nn passo una sera cm qll ke passavamo noi, qnt cavolate ke sparavamo! dai impegnati un pò..guarda ke rimango della mia idea è! un bacio..c sentiamo…magari..se combini qlc…
ciao :p

Nn dire cs ke poi sembra ke eravamo amanti… Comunque mi sn reso conto pure io, t ho eliminata preterintenzionalmente, mandami il tuo acunt via mail k ti riaggiungo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: