Il Calabrescia pensiero

Ha ragione Sarkò, dai

Posted on: 12 aprile 2011

Ma non prendiamoci in giro. Tutti a dire che la Francia sbaglia a non voler prendersi i migranti.

Guardiamoci in faccia: noi li volevamo? Eravamo bramosi di accogliere quanto prima migliaia e migliaia di disperati NON dalla sola Libia (che poi sarebbero gli unici ad aver diritto di venir da noi, in quanto profughi) ma potenzialmente dall’intera Africa? Perchè c’è da dire questo: se un poverocristo in Congo viene a sapere che è saltato il “tappo” nordafricano verso l’Europa, pensi che si faccia qualche remora a fare armi e bagagli e a tentare la sorte? No.

Non li desideravamo.

Però ci lamentiamo se altre nazioni -sulla base della Realpolitik, non per strumentalizzare al fine politico- si attrezzano e difendono i propri confini.

L’ho detto fino alla nausea: non me ne frega niente se un uomo è bianco, nero, giallo o rosso. Non è una questione di razzismo. E’ il semplice e intuitivo fatto che in una nazione possono convivere un certo numero di persone, numero oltre il quale l’occupazione, gli alloggi, la situazione igienico-sanitaria cominciano a scricchiolare. Per ora siamo fortunati, abbiamo solo cinquantamila clandestini dall’inizio di questa storiaccia. Con un pò di organizzazione, li si può distribuire senza troppi casini, forse gli si può trovare pure un lavoro. Ma quando saranno un milione, due milioni? E non sto esagerando. Prima o poi, con questi ritmi si arriverà a questi numeri. E che faremo? Dove li metteremo? A quanto arriverà la percentuale di popolazione senza un lavoro?

Sì, ho detto “strumentalizzare a fini politici”. Perchè è questo che qui in Italia si sta facendo. Sia da parte del Governo, che dell’opposizione. Dal momento in cui sono iniziate le rivolte contro Gheddafi, ogni politico (Maroni in testa, testimoni sono i servizi dei TG e le testate giornalistiche) aveva previsto una migrazione di massa, aveva previsto una invasione (per ragioni di opportunità geografica) di Lampedusa.

Qualcuno ha fatto qualcosa? Si sono mobilitate navi, civili o militari che fossero? Qualcuno ha detto “Andate, attraccate a Lampedusa, aspettate i clandestini e fate in modo di portarli sulla Penisola non appena i numeri diventeranno poco gestibili su quella disgraziata isola grande come uno sputo?”

No. La tecnica del Governo (e lo dico da leghista, non da “zecca rossa” come alcuni definiscono i sinistri) è stata quella vecchia, cara, assurda, oscena strategia del “C’è un problema, lo lascio crescere, crescere, crescere, do la colpa agli altri (o al destino) se la situazione è degenerata, mi attivo in extremis, sistemo tutto, faccio la parte dell’eroe.”

Non ci credi? Analizza: al posto di mandare navi a Lampedusa PREVENENDONE l’invasione e distruggendone la stagione turistica, si è preferito lasciar aggravare il problema, salvo poi mandare Silvio in quello che oramai era diventato un territorio parificabile a un cesso di Calcutta, attivare le navi (cosa che si poteva fare prima) dare la colpa a chicchessia, se la situazione era degenerata, e vendersi come salvatori dell’isoletta: “Avete visto? Alla fine arrivo io e sistemo tutto. Sono un gran fico.”

La tecnica dell’opposizione è stata quella cara, oscena (e via discorrendo, come sopra) strategia del “C’è un problema, prendo qualsiasi posizione che sia in contrasto con quella della maggioranza.”

Siamo divisi tra “destri” e “sinistri”, la politica è diventata una grande partita di calcio. Ognuno per la propria squadra, nessuno che guardi alla reale bontà di una decisione, di una legge, di una scelta. L’hai detta tu, che sei di sinistra? Allora, anche se mi pare una buona strategia, dirò che è una cazzata. L’hai detta tu, di destra? Allora dirò che è una stronzata, e chi ti seguirà sarà “servo del padrone”.

Così, sapendo che (prima o poi) il Governo si sarebbe schierato contro l’immigrazione clandestina, sono iniziati da subito gli ululati e le accuse di razzismo, xenofobia, le proposte di accoglimento, venghino signori venghino.

Siam democratici noi, mica come quei bestioni leghisti mangiapolenta.

Due squadre di calcio. Una che fa di tutto per poter riuscire a tenere il vantaggio avuto nel 2008 (a costo di mandare in vacca un’isola), l’altra che rifiuta categoricamente una visione reale della vita, proponendo accoglienza a gogò in una situazione in cui una scelta simile porterebbe il Paese al disastro.

Prima ho detto che tutti prevedevano l’invasione di Lampedusa, per ragioni di opportunità geografica. Col cazzo. Opportunità politica, semmai. Date un’occhiata alle cartine: se voi foste africani (e conosceste gli immensi pericoli che derivano da un tragitto via mare in una di quelle carrette usate dagli scafisti), preferireste navigare per 15 km, o per minimo 150? Quindici, credo.

Ecco, la distanza minima via mare tra l’Africa e l’Europa continentale è di circa 15 km, e corrisponde allo Stretto di Gibilterra. Perchè allora questi poveracci, se proprio vogliono sbarcare, non optano per lo Stretto? Cosa sono, tutti deficienti? Cosa sono, tutti masochisti? No.

Semplicemente è accaduto, un bel dì, che mr. Zapatero -così amato dalle italiche sinistre (che odiano noi leghisti, così ruvidi, così xenofobi!) per aver avviato la Spagna verso i matrimoni gay- s’è alzato con la luna storta e, quando gli han detto che alcuni stavano tentando di entrare in Spagna da clandestini attraverso lo Stretto si è vestito da torero, ha preso il drappo rosso in mano e, agitandolo, ha gridato:

“Sparate! Oooooooolè!”

Eh sì. Noi leghisti saremo anche brutti e cattivi, ma in Spagna han fatto il tiro al clandestino. Ecco perchè vengono a Lampedusa. Mica gli piace farsi impallinare.

E Sarkozy, semplicemente, prende gli immigrati, li sbatte sui treni, e ce li rispedisce a Ventimiglia.

Et voilà.

La Merkel non so cosa faccia a riguardo: riesco solo a immaginarla mentre prepara gnocchi e lasagne. Che ci devo fare.

Noi paghiamo lo scotto di una politica idiota, dove si grida “Oggi mangiamo il pollo arrosto!” e dall’altra parte si grida “Non capite niente, il pollo allo spiedo è più buono!”

E l’animale, intanto, pensa “Mah… io non sono mica un pollo, sono un maiale… di che stanno discutendo???”

E finiamo per prendere una decisione che vada bene a tutti, che non sia nè pollo nè maiale. Stiam digiuni. Chebbellezza.

La politica dello scontro fine a sè stesso.

Prendiamo una decisione, uniti, che faccia bene al nostro Paese. Vogliamo accogliere? Allora accogliamo, basta che lo si faccia con serietà. Vogliamo sparare? Imitiamo il “democratico” Zapatero, se lui non ha avuto conseguenze sul piano interno nè internazionale, allora non ne avremo nemmeno noi.

Basta con la politica infrociata dalla paura di perder voti. Basta con la politica inutile dello scontro necessario.

“Noi fummo da secoli calpesti e derisi, perchè non siam popolo, perchè siam divisi.”

Sicuri che quel “fummo” sia coniugato nel tempo verbale corretto?

Io dico di no.

ADERISCI ALLA PAGINA FACEBOOK DI QUESTO BLOG: CERCA “IL CALABRESCIA PENSIERO”.

Annunci

5 Risposte to "Ha ragione Sarkò, dai"

Condivido, in linea di massima, il tuo pensiero.
Su alcuni punti, invece, non è così.
Il lavoro: inutile negare che la crisi economica è presente, e anche che i governanti non la sanno / vogliono gestire. Prima di pensare di dare lavoro ai migranti che raggiungono le nostre coste “per avere una vita migliore”, sarebbe meglio che ci preoccupassimo di averlo noi italiani, un lavoro.
In merito all’emergenza trattata nel post, la Lega Nord, cos’ha fatto? Io credo si sia comportata esattamente come tutti gli altri, tu cosa ne pensi?

Sul lavoro siamo perfettamente concordi: io stesso dico che non ci possiamo permettere (purtroppo) di dare un lavoro sicuro a tutti quelli che desiderino entrare nel nostro territorio.

In merito alla Lega, non ha dimostrato, per dirla alla francese, di “averlo duro” come millanta. Per carità, restano i meriti di una eccezionale gestione (fino a questi ultimi mesi) del fenomeno migratorio: nessuno era mai riuscito a contenere il numero di migranti al di sotto delle 30 unità per anno. Ma questo non toglie che attualmente si sia accodata al resto della massa belante e spaurita della politica italiana.

Temo ci sia un errore nel tuo commento:
“il numero di migranti al di sotto delle 30 unità per anno”
30 unità mi sembrano un po’ pochine, anche se sarebbe davvero bello che fosse così!!! 😀

Mi risultano 27 clandestini, nell’anno 2010

Si….27 clandestini che son stati trovati. Dai su, non ci crede nessuno, e le nostre strade ne sono l’esempio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: