Il Calabrescia pensiero

Posticipo test d’ingresso all’università: scoppia la rivolta.

Posted on: 7 giugno 2013

E’ dell’ultim’ora l’assurda voce che viene dal Ministero dell’Istruzione: pare che vogliano spostare a settembre (l’eventuale decreto sarà firmato mercoledì) tutti i test di ammissione alle Facoltà universitarie a numero chiuso.

La decisione del precedente governo di anticipare tali test dal mese di settembre al mese di luglio aveva provocato non poche polemiche; ma una modifica delle regole a un mese e mezzo dagli esami (io parlo, in particolare, di quelli per l’ammissione a Medicina e Chirurgia) è un gravissimo danno a tutti coloro che finora hanno impostato le loro scelte economiche e di vita al fine di poter sostenere queste difficili prove; qualcuno ha pensato a chi ha dovuto prenotare un volo e un soggiorno? A chi ha organizzato visite e ricoveri ospedalieri affinché non cadessero nel mese delle prove di ammissione? A chi ha studiato, buttando sangue, durante gli ultimi mesi di scuola superiore, con la maturità alle porte, non potendo contare sulla tranquillità dell’estate? A chi ha buttato soldi in ripetizioni in un periodo (pochi mesi prima della maturità) in cui le lezioni di ripetizione costano più del solito?

Non sarà una vergognosa manovra per raccattare più soldi? Fare i test a luglio significa avere meno candidati: e se contiamo che ogni candidato paga 50 euro… ma allora cosa siamo, studenti o bancomat???

La protesta è già vivissima sulla pagina facebook del ministro dell’istruzione Maria Chiara Carrozza.
https://www.facebook.com/pages/Maria-Chiara-Carrozza/267651383363047?fref=ts

E si presume che la protesta coinvolgerà pure il Movimento 5 Stelle e Sinistra Ecologia e Libertà, dato che sono loro ad aver proposto questo assurdo decreto.

Ovviamente coinvolgerà anche il solito sgangherato Partito Democratico, al quale il Ministro Carrozza appartiene…

MERCOLEDì NON CAMBIATE LE DATE DEI TEST D’INGRESSO A UN MESE DAL LORO SVOLGIMENTO, SEMMAI FATELO A PARTIRE DAL 2014! LE PERSONE NON SONO BURATTINI!

Annunci

9 Risposte to "Posticipo test d’ingresso all’università: scoppia la rivolta."

L’anticipo del test a luglio fatta dal precedente Ministro aveva una sua ragione logica, infatti con l’introduzione della graduatoria nazionale e i tempi necessari al suo scorrimento uno studente deve sapere tempo prima in quale città entrerà, così da cercarsi casa. Ma se i test ritornano a settembre e le lezioni iniziano il 1 ottobre trasferirsi in un’altra città sarà un problema, fra il cercare casa e il trasferirsi si trascureranno le lezioni bruciando così il primo semestre.

Esatto!!!

esattissimo non ci vuole un genio per capirlo solo chi non sa di cosa si sta parlando puo’ fare una operazione quale quella del ministro, ma si è informata sulla questione? le cose vanno studiate

VERGOGNA!!!! MERCOLEDì NON FIRMATE NULLA!!!! GLI STUDENTI NON SONO MARIONETTE!!!

onorevole ministro,
le scrivo essendo stata scossa dalla notizia riguardante il posticipo del test di ammissione alla facoltà di medicina. Ritengo, insieme a moltissimi altri studenti ingiusto spostatre il test, il giorno della chiusura delle preiscrizioni, a distanza di poco più di un mese dallo stesso. Durante tutto il corso del quinto anno di liceo non ho fatto altro che sacrificare ogni divertimento per cercare di conciliare lo studio delle materie scolastiche ed il ripasso degli argomenti presenti nel test, restando a casa per studiare quando molti altri miei compagni uscivano allegramente. Tutto questo non mi pesava perchè pensavo che quei sacrifici prima o poi sarebbero stati ripagati. Invece ora tristemente noto che ancora una volta si decide di andare incontro agli studenti meno costanti nello studio, posticipando il test. Prepararsi con una maturità da affrontare è difficile ma possibile se si desidera veramente entrare a medicina, rimandare il test a mio avviso rappresenta un aiuto, una giustificazione per tutti quegli alunni distratti che non hanno rispettato le scadenze oppure che hanno tralasciato il ripasso confidando nello “studierò”. Per non parlare di tutti gli studenti che, non essendo entrati lo scorso anno a medicina, hanno intrapreso altri corsi di studio provvisoriamente decidendo di non prepararsi per gli esami di giugno per sostenere al meglio il test. Cosa dire inoltre di tutti coloro che hanno programmato un viaggio, confidando nel test a luglio che si ritrovano ora (come nel mio caso) a dover perdere i loro soldi?. Spesso si parla di meritocrazia, di valorizzare le eccellenze, ritengo inoltre NECESSARIO valorizzare e ripagare tutti gli alunni che si sono sempre impegnati nello studio dando loro un bonus nel test.
La prego di riflettere su questa mia lettera, noi abbiamo rispettato le scadenze del bando, ci siamo impegnati nel pagamento della tassa di iscrizione ed ora necessitiamo anche noi di essere rispettati.
grazie dell’attenzione

il test è nazionale quindi non c’è bisogno di andare 600 km più lontano…

Se tu vuoi iscriverti alla facoltà di medicina di Pisa (per qualsiasi motivo) e sei di Messina, devi svolgere il test a Pisa. Anche se la graduatoria è nazionale.

come al solito in Italia le persone che rispettano le leggi vengono penalizzate ,questa è l’amara conclusione….sarebbe giusto che chi ha già fatto tutto rispettando le regole possa svolgere i test nelle date precedentemente stabilite……non si possono favorire i furbetti…..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: