Il Calabrescia pensiero

Posts Tagged ‘Il nostro compito è avere un sogno

La scienza rende l’uomo più debole? Sì.

Anni fa, se ti ammalavi, o eri forte o morivi. Oggi sopravvivi, tendenzialmente. Non c’è più la selezione naturale; il genere umano è diventato un ammasso di rottami che allo stato brado sopravvivrebbe forse un paio di mesi.

Ma siamo animali superiori; non abbiamo bisogno di essere selezionati come scarafaggi. Io ho la spina bifida e sono zoppo: non crepo di fame perché non riesco a rincorrere un cinghiale e ucciderlo a cazzotti. Abbiamo costruito un sistema che riesce a far vivere sia i forti che i deboli.

I deboli come vivono? Posso dire la mia: non corro, non sono atletico, se voglio mangiar fuori con amici devo sperare di aver portato l’insulina con me. Per studiare mi sono destreggiato tra scuola, università e tante operazioni chirurgiche.

In te, che anche se non ti conosco considero come un fratello (chi soffre è un po’ come se avesse un legame fraterno) vedo una brutta amarezza. Hai in odio la vita e, forse esagero, sarebbe tuo desiderio porvi fine il prima possibile. Non è facile vivere vedendo altri che fanno cose che tu non puoi fare! A sei anni, quando impari a camminare (male) vedi i tuoi amici che si tirano un pallone. E tu stai lì a guardarli. Vai a scuola e nelle ore di ginnastica hai l’esonero. Io raccattavo palle. Loro giocavano, io ributtavo i palloni in campo. Lo facevo pur di fare qualcosa. Iniziano ad avere fidanzate e fidanzati, e tu sei solo. Magari sei anche innamorato, ma Tizia a te ha preferito un altro che è sano e l’ha portata fuori per il week end.

Non è facile vivere in un mondo che ha imparato a salvare i più deboli, ma non ad accoglierli. Curare uno storpio? Due tutori, una carrozzina. Alè, il prossimo. Ma chiedi a qualcuno se sarebbe disposto a vivere, amare, condividere qualcosa con uno storpio. Allora lo storpio inizia a odiare la vita, non sapendo che non è la malattia a essere il problema.

Nella tecnica siamo evoluti, nei sentimenti siamo bestie.

La soluzione non è il consentire la soppressione dei deboli abortendoli, o il permettergli di suicidarsi con l’eutanasia. Bella soluzione. Levate il disturbo, o vi ammazziamo noi oppure ammazzatevi da soli.

Il salto di civiltà vero, che ci distinguerebbe del tutto dalle bestie (e che permetterebbe a me, e soprattutto a te, di vivere meglio) sta nell’impegno di tutti nel non massacrare la vita dei deboli più di quanto non sia purtroppo necessario. Immagina una vita (che non hai vissuto, che non ho vissuto, e che forse non vivremo mai) dove a sei anni sei sì zoppo, ma hai amici che invece di abbandonarti giocano con te. Al momento giusto una bella ragazza ti guarda e dice sì, sei zoppo, ma… ti va di uscire stasera? All’università i professori ti guardano con rispetto, sapendo che non frequenti le lezioni non perché sei un fannullone, ma perché devi far conciliare malattia e studio. E t’incoraggiano.

Noi deboli abbiamo un compito.

Che non è farci ammazzare o levare volontariamente il disturbo. Francamente: il nostro dovere è stare qui, vivere, soffrire nel caso, e insegnare all’uomo come diventare per davvero un essere superiore.

Non più di sessant’anni fa i neri erano considerati come bestie. Quanti di loro avranno desiderato morire o non essere mai nati! Ma sono riusciti a uscire da quella mentalità che pretendeva che ringraziassero di non essere sbattuti a raccogliere cotone e che si accontentassero di essere non-schiavi. E hanno guadagnato la libertà!

Noi siamo massacrati, falciati dagli aborti, e quando nasciamo ci dicono suvvia, suicidati, l’eutanasia è la soluzione civile. Togli il disturbo, negro. E alcuni di noi ci cascano o, semplicemente, si arrendono.

Il nostro compito è “avere un sogno”. Io non mi arrendo. Nemmeno tu.

Chiamateci deboli, ora.

 

Alberto Calabrò


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: